Assistenza Legale Airline Passengers

airline passengers ritardo o cancellazione volo

I passeggeri di voli nazionali e internazionali godono di una particolare tutela sancita dalla legge o dalle convenzioni  che garantiscono il diritto al risarcimento per i disagi subiti in caso di Negato imbarco, voli in ritardo o cancellati, Bagaglio danneggiato, smarrito o ritardato, Distruzione, danneggiamento o perdita di oggetti indossati o trasportati da un passeggero, Problemi affrontati da passeggeri disabili o passeggeri a mobilità ridotta.

In base all’art. 941 del codice della navigazione Il trasporto aereo di persone e di bagagli, compresa la responsabilità del vettore per lesioni personali del passeggero, è regolato dalle norme comunitarie ed internazionali.

In base alle norme contenute nel Regolamento (CE) Nº 261/2004 del Parlamento Europeo e del Consiglio dell’ 11 Febbraio del 2004  in materia di diritti dei passeggeri del trasporto aereo  per avere diritto a un risarcimento il volo deve partire dall’Unione europea oppure la compagnia aerea deve avere sede nell’UE e il volo deve atterrare all’interno dell’Unione.

E’ irrilevante che il volo rientri in un pacchetto turistico o in un viaggio di lavoro, in presenza dei presupposti il diritto al risarcimento riguarda i casi di

  • Ritardi: Il tuo raggiunge l’aeroporto di destinazione con 3 o più ore di ritardo
  • Cancellazioni: La compagnia di volo ha informato della cancellazione con un preavviso inferiore a 14 giorni
  • Overbooking: La compagnia aerea ha confermato troppe prenotazioni e non c’è più posto a bordo.
  • Coincidenza persa: La destinazione finale è raggiunta la destinazione finale del tuo viaggio con 3 o più ore di ritardo,  anche qualora i voli siano operati da diverse compagnie aeree e anche se la coincidenza si trova al di fuori dell’UE purché tutti i voli rientrino nella stessa prenotazione.

L’ammontare del risarcimento dipende dalla tratta di volo e non dal prezzo pagato per il biglietto:

Per tutti i voli con tratta pari o inferiore a 1500km il risarcimento sarà di 250€; in voli interni all’UE con tratta superiore a 1500km sarà di 400€; in voli al di fuori della UE con tratta inclusa tra 1500 e 3500km sarà di 400€; e per tratte intracomunitarie superiori a 3500km se il ritardo è fra 3 e 4 ore il risarcimento sarà di 300€, se è maggiore di 4 ore sarà di 600€.

Il regolamento si applica a tutti i voli effettuati dentro l’UE, sia con vettore europeo che extraeuropeo. Inoltre, il CE 261 si applica ai voli che partono dall’UE e hanno destinazione extraeuropea, indipendentemente dalla nazionalità della compagnia aerea. Per i voli che partono da un aeroporto al di fuori della comunità europea ed hanno destinazione dentro l’UE, il regolamento si applica solo se la compagnia è europea. Se il volo si effettua al di fuori dello spazio europeo, il regolamento non si applica.

Secondo la norma europea per voli interni all’UE si intende non solo lo spazio aereo europeo, ma anche Islanda, Norvegia, Svizzera e le cosiddette “regioni ultra-periferiche” (Guadalupa, Guyana francese, Riunione, Martinica, Mayotte e Saint-Martin, Azzorre e Madera, e isole Canarie).

Per ora di arrivo il momento in cui si aprono le porte dell’aereo, salvo il caso di “circostanze eccezionali” non sono coperte e includono situazioni come emergenze mediche, limitazioni del traffico aereo, condizioni meteorologiche avverse, malfunzionamenti imprevisti del radar dell’aeroporto, atti di sabotaggio, instabilità politica e atti di terrorismo.

I “problemi tecnici” e le “circostanze operative” delle compagnie aeree non possono essere considerate “circostanze eccezionali”, come ha affermato in diverse occasioni la Corte di giustizia europea.

Per i Voli internazionali I diritti dei passeggeri internazionali sono stabiliti dalla Convenzione di Montreal, in vigore dal 2003, ed alla quale hanno aderito oltre 120 paesi, tra cui USA e UE.

  • La Convenzione di Montreal copre i danni causati dal disservizio. Il termine danni si interpreta diversamente a seconda del paese in cui ci si trova. Per esempio negli USA con danni si intendono solo le perdite economiche e non includono il “trauma psicologico”, mentre nell’UE il termine include entrambi i casi.

Per richiedere il risarcimento di un volo in ritardo Conservare la carta d’imbarco o qualunque altro documento in cui risulta il codice di confermazione della prenotazione,  Prendere nota dell’ora di arrivo alla destinazione e Conservare le fatture e gli scontrini di eventuali spese extra relazionate con il ritardo.

Il tempo massimo per far valere il tuo diritto al risarcimento, sia in Italia che per i voli internazionali, è in via generale di 2 anni. Per la sovrapposizione di normative nazionali internazionali e comunitarie in molti casi non è semplice tracciare i termini di decadenza e/o prescrizione nella materia. E’ pertanto sempre consigliabile procedere a inoltrare il reclamo prima possibile.


Lo Studio LexOpera assiste i passeggeri  individualmente e collettivamente per la richieste di compensazione pecuniaria e risarcimento dei maggiori danni.

Con apposite convenzioni lo studio assiste le aziende per i disservizi in trasferte di dipendenti, viaggi per convegni e riunioni, benefits e viaggi premio etc.

Compila questo form e descrivi il tuo caso. Provvederemo noi a  ricontattarti per fornirti ogni chiarimento.






Chiama Studio LegaleStudio Legale - Descrivi il Tuo CasoStudio Legale Appuntamento

 

 

Area Tematica

Richiedi un Appuntamento

Il calendario è in caricamento...
Powered by Booking Calendar
captcha
Copyright © 2018 | Lexopera.it - Sede: Via F. Paoletti, 24, 50134 Firenze | Telefono: 055.9067007 | Email: info@lexopera.it | P.IVA 06211720484

Privacy | Cookie

Created by domenicopitisci@gmail.com.